Prevenzione Ransomware di computer

Misure e comportamenti per la prevenzione delle infezioni da virus.

Il problema delle infezioni di computer, reti e sistemi informatici da virus denominati Ransomware (di recente ha avuto eccezionale diffusione quello chiamato WannaCry, https://it.wikipedia.org/wiki/WannaCry) sta coinvolgendo anche le Istituzioni Scolastiche.

Tali virus, sostanzialmente, “sequestrano” i file di dati attraverso una loro criptatura, per eliminare la quale viene richiesto l’invio di denaro ad un soggetto criminale (solitamente nella forma di bitcoin). La cifra è abbastanza modica per indurre al pagamento, ma esso non assicura di ricevere lo strumento di decriptazione per “liberare” i dati.

Si invita ad avere molta attenzione in merito in quanto i sistemi di rimozione sono parziali e a fine operazioni permangono danni e perdite. Di solito si rende necessario un ripristino da un backup sicuro (perdendo, ovviamente, gli ultimi file creati e modificati)
Peraltro, la diffusione di tali virus avviene per vie consuete: tipicamente, visite a siti internet infetti, e- mail di phishing con false fatture, bollette e avvisi di pagamento, ….

Si richiama quindi innanzitutto alla necessità di informare e formare tutto il personale sulle normali misure e comportamenti di sicurezza: aggiornamento del software, dal sistema operativo al browser, realizzazione di frequenti backup, utilizzo di antivirus di qualità, attenzione ai siti di cattiva reputazione (utilizzare le apposite estensioni dei browser per il controllo), non aprire allegati di e-mail di dubbia provenienza o di sconosciuti, … .

Sebbene le infezioni di questo tipo abbiano un po’ più raramente come causa falle dei sistemi di rete, si invita comunque a curare con attenzione e continuità anche la sicurezza e la protezione dei dati nelle reti informatiche della scuola secondo norma e con i più aggiornati strumenti, sistemi e dispositivi.

DNS Jumper

Problemi con il collegamento web del vostro PC? Sì.
Allora provate a risolverli con i miei consigli.

Di default, quando navighiamo vengono utilizzati i DNS del provider che fornisce la connessione a Internet. A volte, però, possono essere sovraffollati rendendo più lenta la navigazione, oppure il provider può applicare dei filtri bloccando l’accesso a determinati siti. Per risolvere questi problemi possiamo usare il tool DNS Jumper (versione in italiano).
Dopo averlo avviato, clicchiamo su “DNS più veloci” e poi su “Inizia test DNS”per effettuare un test e trovare i DNS più veloci. Torniamo quindi alla scheda principale, in “Seleziona una scheda di rete” selezioniamo la scheda di rete del PC con la quale siamo connessi al router e in “Seleziona un Server DNS” selezioniamo i DNS più veloci risultati dal test.
Non resta che cliccare su “Applica DNS”.

Se abbiamo più dispositivi connessi in casa che utilizzano la medesima connessione possiamo applicare i DNS direttamente sul router. Per farlo col browser rechiamoci nell’interfaccia di gestione (solitamente si digita l’IP 192.168.1.1). Spostiamoci nella sezione WAN da cui è possibile configurare i parametri per la connessione a Internet. Disabilitiamo la connessione automatica al server DNS e impostiamo manualmente i DNS utilizzando quelli che abbiamo trovato con DNS Jumper. Dopo aver applicato le modifiche tutti i dispositivi connessi alla rete di casa navigheranno con gli stessi DNS.

 

Backup con Windows 10

Fare un backup di documenti è importantissimo. A tal fine Windows ci mette a disposizione un sistema di backup semplice, efficace e anche veloce da configurare. L’unico investimento richiesto è un’unità di memoria esterna collegabile via USB. Niente di più, per il resto ci pensa Windows. L’attivazione richiede un clic soltanto; qualche altro clic per regolare le opzioni principali definendo cosa mettere al sicuro e il gioco è fatto.

  • Nel menu Start facciamo clic sull’icona a forma di ruota dentata per entrare nelle Impostazioni, oppure dal desktop premiamo i tasti Win+I. Andiamo in Aggiornamento e sicurezza.
  • Dalla colonna di sinistra scegliamo Backup. Poi attiviamo la funzione con un clic sull’interruttore in modo che mostri Attivato. Ora facciamo clic sul collegamento Altre opzioni.
  • In Esegui il backup del file e Conserva il backup, possiamo lasciare rispettivamente Ogni ora e Sempre. Per salvare cartelle specifiche facciamo clic su Aggiungi una cartella.
  • In caso di problemi scorriamo la colonna di sinistra fino in fondo. Facciamo clic su Ripristina i file da un backup corrente e scegliamo la cartella da ripristinare.

Hangouts

Hangouts è uno strumento di Google che permette di effettuare delle videochiamate e di trasmettere eventi online.
Lo strumento offre agli utenti che trasmettono la possibilità di condividere il proprio schermo, utilizzare la chat o condividere dei documenti con tutti gli altri utenti.

Per utilizzare Hangouts è necessario disporre di un account Google e, al primo utilizzo, sarà necessario di installare un apposito plugin per il browser utilizzato, al fine di rendere possibile la trasmissione.

E’ possibile effettuare delle trasmissioni riservate per un numero massimo di 10 studenti che possiedono un account Google. Per lo streaming, invece, si ha a disposizione un pubblico illimitato.

Scegli tra Videochiamata, Telefonata, Messaggio e sincronizza il tuo Hangouts con tutti i tuoi dispositivi iOS,Android e sul Web.

Classtools

Classtools – http://www.classtools.net/ è un interessante servizio rivolto ad insegnanti appassionati di tecnologia, che permette loro di usufruire di una web application che rende possibile la creazione di giochi educativi e didattici utilizzando una serie di risorse messe a disposizione gratuitamente.

Senza neanche registrarsi è possibile creare il proprio ‘gioco’ da riproporre nelle proprie pagine web, semplicemente copiando ed incollando il codice opportunamente rilasciato al termine delle operazioni.

Tra i servizi messi a disposizione da ClassTools.net possiamo annoverare:

# sms generator: per creare finti scambi di sms tra personaggi storici (artisti, filosofi, scienziati, ecc.)
# Pac Man: un quizzes a scelta multipla combinato col famoso pacman
# diagrammi a spina di pesce
# countdown
# ruota per estrazione casuale dei nominativi degli studenti
# Fakebook: crea finti account facebook e finte conversazioni Facebook, per esempio tra personaggi storici
# twister: finto account twitter e finti tweet
# timeline
# post.it con cui è possibile inserire in una immagine post it di commento della stessa
# QR treasure Hunt: caccia al tesoro con i QR code

Apps per bambini: Mamamò

Mamamò è il primo portale italiano dedicato alle app e alla tecnologia rivolta ai bambini.
Esso rappresenta una guida per genitori nella giungla delle app per smartphone e tablet, con segnalazioni e recensioni di applicazioni che hanno una buona qualità tecnica di realizzazione, funzionalità di supporto alla maternità e contenuti educativi o di intrattenimento utili per lo sviluppo del bambino.

Secondo l’ideatrice del sito Roberta Franceschetti, i bambini apprezzano i libri e le app educative quando sono ben realizzati e hanno un approccio ludico. Ecco alcuni esempi di app molto apprezzate: “Peekaboo Barn”, “Dans mon rêve”. La prima è un bestseller dell’App Store, una piccola, deliziosa app, capace di trasferire la meraviglia inossidabile del gioco del “Cucù” su tablet e smartphone. L’altra, che ha vinto il Bologna Ragazzi Digital Award, è un delicatissimo e poetico esempio di applicazione digitale dei libri a pagine separate, in cui immagini e testi si combinano tra loro in modo potenzialmente infinito, in cui tutto si contamina e tutto si trasforma, come accade nei sogni o nel fertile immaginario proprio dell’infanzia. Ma ce ne sono tante altre pronte da scaricare.

Tuttavia, individuare le app giuste nel gran calderone dell’App Store (o di Google Play) è come cercare un libro che ci può interessare su uno scaffale infinito, organizzato per categorie piuttosto generiche.
Trovarlo è praticamente impossibile, a meno che non si sappia già esattamente cosa si sta cercando. I coraggiosi esploratori degli store finiscono il più delle volte con il rimanere delusi, scoprendo solo dopo l’acquisto che il prodotto non è ciò che si aspettavano. Manca, sostanzialmente, il ruolo di selezione, filtro e riorganizzazione, che nell’universo “reale” viene esercitato dalle edicole, dalle librerie, dai negozi di videogiochi.
E’ proprio questo il compito del sito in oggetto: selezione, filtro, riorganizzazione.