Scrivi una storia con Storify

Storify permette di raccontare una storia utilizzando i social media. Con Storify potete scegliere, organizzare, commentare e condividere solo le migliori o quelle che piacciono a voi. Siete voi a scrivere la storia! Vediamo in che modo.

Per prima cosa è necessario a iscriversi e registrarsi o con il proprio account di Facebook o di Twitter. Le fasi per iniziare a raccontare la vostra storia sono semplici: per prima cosa raccogliete il materiale, quindi effettuate ricerche e infine create la storia! L’interfaccia è intuitiva e potete inserire testi, link, commenti tra le varie news che prendete dal web e dai social. E non dimenticate il titolo della vostra storia! Nel pannello che si trova sul lato destro dello schermo, potete trovare e ricercare il contenuto che vi interessa da: Twitter, Facebook, YouTube, Flickr, Google e Instagram. Una volta trovato il contenuto che volete utilizzare nella vostra storia basterà trascinarlo sul lato sinistro dello schermo. E’ possibile modificare l’ordine anche successivamente semplicemente trascinando il materiale. La storia sarà composta da paragrafi, ciascuno dei quali conterrà uno degli elementi da noi catturati nella ricerca del materiale e tra un paragrafo e l’altro potete inserire dei commenti e dei testi per fare ordine nella storia e dare un aiuto maggiori al lettore che legge il nostro Storify.

Una volta che la storia è completa, è possibile pubblicarla sul Web, che lo rende disponibile sul sito di Storify. A questo punto potete iniziare a diffondere la vostra storia, tramite email, twitter, facebook, google plus ect. Le storie possono anche essere incorporate sul vostro blog o sul vostro sito web.

Google Keep per appunti

Google Keep è un servizio che permette agli utenti di creare note e prendere appunti anche in mobilità. Google Play è riservata ai dispositivi Android, iOS, Chrome e in Web versione (vedi foto).
Scopri Google Keep!!!

Versione per browser

Sul Web la sua interfaccia è molto essenziale. Collegandosi al sito https://keep.google.com/ ci si troverà di fronte ad una scheda vuota in cui inserire un titolo e digitare una nota. Terminato l’inserimento delle informazioni si clicca sul tasto ‘fine’ e il sistema provvederà a salvare la propria nota. Un’opzione permetterà anche di assegnare un colore al nostro appunto per distinguerlo più facilmente rispetto agli altri e di inserire un’immagine.

Versione per Android

La  versione mobile è decisamente più interessante. Questa consente di visualizzare, sempre tramite account Google indirizzato su Drive, tutte le note presenti in clouding; lo stesso vale per la creazione delle medesime. L’interfaccia è decisamente più colorata rispetto alla versione desktop, e dedica infatti molta importanza alla cromaticità delle note. Con l’app Google Keep puoi:
• Prendere appunti tramite note, elenchi e foto
• Trascrivere automaticamente le note vocali
• Utilizzare i widget della schermata Home per un’accesso rapido
• Assegnare colori diversi alle note per trovarle più facilmente
• Far scorrere le note per archiviarle quando non ti servono più
• Trasformare le note in elenchi aggiungendo delle caselle di controllo
• Utilizzare le tue note ovunque ti trovi. Sono salvate in Drive e disponibili sul Web.

Ashampoo Office 2016

In passato abbiamo visto tutte le alternative a Microsoft Office, ma mai una così conveniente e completamente compatibile con i formati Microsoft di documenti del passato e attuali. Una suite office senza compromessi, senza lunghi periodi di apprendimento, Ashampoo Office 2016 ti permette di creare documenti, fogli di calcolo e presentazioni più velocemente di sempre. È il mix perfetto di compattezza e potenza.

Punti forti del software

Valido per 3 PC al più per nucleo familiare o azienda
Per tutti i sistemi operativi Windows, da Windows XP al più recente Windows 10
Totalmente compatibile con i documenti da Microsoft Office 6.0 a Office 2013.
Gestione altamente intuitiva, senza alcuna lunga riconversione richiesta
Elaborazione di testi professionale per ogni esigenza
Premiata applicazione di foglio elettronico con 350 funzioni di calcolo integrate
Accattivanti presentazioni multimediali con animazioni, suoni e video.

TitanPad, per lavorare contemporaneamente su un documento

TitanPad è un servizio web, funzionante anche senza alcuna registrazione, che permette agli utenti di scrivere dei documenti di testo con delle formattazioni non molto ricche. Grazie all’apposito spazio nella barra sulla destra, l’utente potrà gestire la condivisione dei documenti, invitare dei nuovi collaboratori, e i testi inseriti da ciascun collaboratore compariranno con un diverso colore.

Se si effettua la registrazione, si avranno a disposizione le stesse funzioni, ma con in più uno spazio a disposizione dove salvare i propri documenti. Tutte le modifiche sono poi visibili anche dinamicamente grazie al Time Slider, accessibile dal menu di modifica del documento, e cliccando sul pulsante “play”.

Il lavoro in collaborazione permette anche di chattare mentre si modifica il documento.

TitanPad mette a disposizione degli utenti anche il blog ricco di vari suggerimenti: http://blog.titanpad.com

Libro cartaceo o digitale? E se fosse meglio la carta?

E’ meglio la carta?
Uno studio recente del Tiltfactor Labs del Darthmouth Institute ha dimostrato che leggere un testo su un supporto digitale o su un foglio di carta ha esiti diversi sul cervello e comporta risposte cognitive differenti.

La lettura su un tablet ci fa concentrare soprattutto su dettagli concreti e non favorisce l’astrazione del pensiero che al contrario è facilitato dalla lettura su carta. Secondo questo studio se vogliamo ricordare un libro meglio leggerlo su carta. Rammentare gli eventi nella giusta sequenza è più facile, forse anche grazie a un maggior numero di indizi fisici: con i libri possiamo ricordare che un fatto si è compiuto circa a metà del volume, il testo elettronico invece appare sempre uguale.

Ciò vale anche per i libri scolastici, quelli digitali offrono interattività e sono più stimolanti dei vecchi sussidiari ma farebbero perdere più facilmente il filo di ciò che si studia.
Su Internet è meglio leggere testi brevi che non richiedono troppa attenzione perché banner, video, e link distraggono e minano la capacità di concentrazione necessaria.

ScreenFlow

screenflowScreenFlow è senza dubbio alcuno il miglior programma per registrare lo schermo su Mac.
Grazie ad esso, è possibile realizzare tutorial video e presentazioni registrando non solo quello che avviene sulla Scrivania di OS X ma anche quello che riprende la webcam del computer (comprensivo di commento audio, naturalmente).
Il software integra un potente editor che consente di montare, abbellire e personalizzare in tantissimi modi le registrazioni appena completate. Supporta vari formati di output ed è molto facile da utilizzare.

Il software è a pagamento ma è disponibile in una versione di prova gratuita che permette di testarne tutte le funzioni per un periodo di 30 giorni. Scarica da qui.
E’ disponibile pure a pagamento la versione per Windows.