Sport di classe

Al link di seguito disponibile è possibile trovare la presentazione e le modalità di partecipazione al percorso valoriale ‘Campioni di fair play’, realizzato grazie alla collaborazione tra il CONI e il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, nell’ambito del progetto Sport di Classe, in accordo con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.

La campagna di quest’anno, contraddistinta dal valore chiave del ‘fair play’, ha come obiettivo la promozione dei principi del ‘gioco corretto’ inteso come: rispetto delle regole, degli altri e di se stessi, valorizzazione delle diversità e delle unicità, fratellanza, uguaglianza, lealtà ed integrazione.

Tutti i materiali didattici-informativi sono disponibili nella sezione dedicata del sito Sport di Classe: www.progettosportdiclasse.it cui si rimanda anche per la tempistica del percorso didattico.

Campioni di fair play

43mo Premio della Bontà Sant’Antonio di Padova.

“Il virus dell’indifferenza ci fa chiudere occhi e cuore di fronte ai bisogni di chi ci sta accanto. Hai un suggerimento per curare questa malattia e divenire, come dice Papa Francesco, albero di vita, che assorbe l’inquinamento dell’indifferenza e restituisce al mondo l’ossigeno dell’amore?” E’ il tema scelto per il 43° Premio della Bontà Sant’Antonio di Padova.

Possono partecipare al concorso gli alunni delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado di lingua italiana ovunque residenti in Italia e nel Mondo; la partecipazione è individuale per le sezioni narrativa e disegno e può essere di gruppo per quella multimediale.

Il lavoro prodotto deve essere manifestamente frutto di riflessione e impegno personale dei partecipanti, a pena di esclusione dal concorso e per i minori dovrà essere autorizzato alla partecipazione semplicemente mediante una firma autografa di un genitore. Con l’autorizzazione si intende accordato anche il permesso di pubblicazione di foto e video del proprio figlio attraverso gli organi di comunicazione sociale dell’Arciconfraternita e della stampa locale e nazionale.

Il concorso si suddivide in tre sezioni:

  • narrativa – alla quale si può partecipare con un elaborato di tipo narrativo o poetico, scritto a mano su foglio di carta uso protocollo a righe (scrivendo su ogni riga interamente da sinistra a destra) in modo leggibile;
  • disegno – alla quale si può partecipare con un disegno esclusivamente su foglio formato A4 realizzato con qualsiasi tecnica e accompagnato sul retro da una didascalica dell’opera;
  • multimediale – alla quale si può partecipare con un cortometraggio della durata massima di 5 min fornito su adeguato supporto informatico e visualizzabile con Windows Media Player.

I lavori dovranno essere inviati entro e non oltre il 26 marzo 2017 a: Arciconfraternita di Sant’Antonio di Padova – c/o Scoletta del Santo – P.zza del Santo, 11 – 35123 Padova (ITALY), per raccomandata con ricevuta di ritorno; farà fede la data del timbro postale.

Tutti i lavori inviati dovranno necessariamente, a pena di esclusione dal concorso, indicare chiaramente:

– nome, cognome, indirizzo e numero telefonico di casa del concorrente ed eventuale E-mail di un membro della famiglia,

– classe, sezione, nome per esteso, indirizzo postale e numeri telefonico e fax della scuola frequentata ed eventuale E-mail della segreteria scolastica o di un insegnante referente.

Ogni concorrente accetta implicitamente il presente regolamento e può partecipare solo in una delle sezioni del concorso.

Il materiale inviato resterà di proprietà dell’Arciconfraternita, che potrà utilizzarlo anche mediante pubblicazione on-line per i propri scopi istituzionali e non sarà restituito e gli elaborati, i disegni e il multimediale premiati saranno inviati in originale, come consuetudine, a Papa Francesco.

I premiati in passate edizioni del concorso non potranno partecipare per lo stesso ordine di scuola e/o la stessa sezione del concorso.

La graduatoria dei premiati sarà pubblicata nel sito WEB www.arciconfraternitasantantonio.org non appena approvata dalla Commissione esaminatrice e sarà comunicata in forma scritta solo ai premiati.

La Cerimonia conclusiva avrà luogo in Padova nei giorni 20 e 21 maggio 2017.

La Commissione esaminatrice è presieduta dal P. Cappellano dell’Arciconfraternita e i suoi deliberati sono insindacabili.

Le borse di studio, di cui al successivo punto 14, non verranno assegnate:

a) qualora il premiando non potesse intervenire alla Cerimonia conclusiva, salvo casi adeguatamente e seriamente motivati,

b) agli istituti scolastici che non riscontrassero prima della Cerimonia conclusiva la comunicazione di eventuale vittoria.

I Premi: A. comuni

A.1) tutti i premiati delle sezioni narrativa e disegno verranno ospitati a Padova, a spese dell’organizzazione, per il fine settimana in cui avrà luogo la Cerimonia conclusiva; analogamente, per la sezione multimediale ma qualora il lavoro fosse presentato da un gruppo, verrà messo a disposizione, a spese dell’organizzazione, solo l’equivalente di due stanze quadruple;

A.2) ove i vincitori non si avvalessero del pernottamento la Borsa di studio, di cui sotto, verrà aumentata di € 100;

A.3) a tutti i premiati verrà consegnato il Diploma di partecipazione corredato del sigillo in ceralacca dell’Arciconfraternita;

A.4) a tutti i premiati verrà consegnata un’artistica statua in legno scolpito e policromo raffigurante sant’Antonio di Padova in cofanetto espositore.

B. specifici per sezione

Narrativa – Verranno premiati un 1° e un 2° classificato per ogni ordine di scuola ai quali verranno assegnati i seguenti premi:

B.1) i primi classificati riceveranno le medaglie del Santo Padre e il Sigillo della Città di Padova (ove messi a disposizione dalle rispettive amministrazioni);

B.2) alle Scuole dei primi classificati verrà assegnata una borsa di studio del valore di € 300;

B.3) alle Scuole dei secondi classificati verrà assegnata una borsa di studio del valore di € 200.

Disegno – verrà premiato un concorrente per ogni ordine di scuola alla cui Scuola verrà assegnata una borsa di studio del valore di € 250.

Multimediale – verrà premiato il miglior cortometraggio con l’erogazione di una borsa di studio unica del valore di € 300, che verrà consegnata al primo presentatore.

A quando le prove Invalsi 2017?

Ecco le date delle prove Invalsi 2017 per le scuole primarie (II e V), e per la secondaria di primo grado (II media).

  • Prove Invalsi Scuola Elementare:
    mercoledì 3 maggio 2017: prova invalsi d’italiano (II e V primaria)
    venerdì 5 maggio 2017: prova invalsi matematica (II e V primaria)
  • Prove Invalsi Scuole Superiori:
    martedì 9 maggio 2017: prove invalsi italiano e matematica (II secondaria di secondo grado). Una novità: quest’anno gli studenti della seconda superiore compileranno il questionario studente al computer e non più in formato cartaceo come gli anni scorsi. La compilazione avverrà tra il 16 e il 27 gennaio 2017.
    I questionari di matematica e di italiano, invece, verranno somministrati sempre in formato cartaceo a maggio.

Tempo di libri scuola

Scopri l’alfabeto di Tempo di Libri.
La Fiera dell’editoria che si terrà a Milano dal 19 al 23 Aprile 2017.

Come riconoscimento al quotidiano impegno delle scuole, dei docenti e degli studenti alla crescita culturale di questo paese La Fabbrica del Libro (AIE e Fiera Milano) ha deciso che tutte le scuole italiane saranno graditissime ospiti alla prima edizione di “Tempo di Libri – La Fiera dell’ Editoria Italiana”.

Le scuole potranno così partecipare a questo evento eccezionale senza sostenere costi per l’ingresso alla Fiera, semplicemente compilando e inviando l’apposito Modulo e presentandosi con una copia dello stesso presso la biglietteria il giorno della visita.

Un programma sempre più ricco!
Il programma dedicato alle scuole si è arricchito di nuovi eventi, laboratori e attività e altri ancora verranno aggiunti nelle prossime settimane.

Prenota un evento speciale per la tua classe!
Alle scuole viene proposto un programma di iniziative suddiviso per grado di scuola: Scuola Primaria, Secondaria Primo Grado, Secondaria Secondo Grado.

Consulta il programma a questo link.

Tutte le attività possono essere prenotate attraverso l’apposito Modulo

Concorso di poesia “Quel che mi canta il cuore”

E’ stata bandita la III Edizione del PREMIO NAZIONALE DI POESIA LICEO “CURIE“, il cui termine di scadenza è giovedì 9 marzo 2017..

 

Il Concorso si articola in due categorie: categoria A riservata agli alunni di scuola secondaria di I grado e categoria B riservata agli alunni di scuola secondaria di II grado dell’intero territorio nazionale.

 

Sono previsti 3 premi in denaro per ciascuna delle due sezioni, rispettivamente:

250 euro per il classificato scuola secondaria I grado e di II grado

150 euro per il classificato scuola secondaria di I grado e di II grado

100 euro per il classificato scuola secondaria di I grado e di II grado

e 2 Attestati di riconoscimento per il 4° e 5° classificato di ciascuna delle due sezioni.

La Giuria si riserva, inoltre, la facoltà di attribuire ulteriori Premi speciali.

Il tema del concorso è “QUEL CHE MI CANTA IL CUORE“.

 

Le poesie premiate, segnalate e meritevoli di pubblicazione saranno raccolte in un’antologia edita a cura del Liceo.

La partecipazione è gratuita.

L’iniziativa del Premio ha ricevuto l’apprezzamento del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

La Giuria è costituita, fra gli altri, da illustri esponenti della cultura, dello sport e dell’imprenditoria, non solo a livello locale.

In allegato si invia il bando comprensivo della scheda di partecipazione, che è reperibile anche nella Home page del sito del Liceo http://www.liceomeda.gov.it/, INFO Segreteria Liceo Tel. 0362 70339-71754. Email: segreteria@liceomeda.it.

Allegati: premio-liceo-curie-scheda di partecipazione2016

brochure-premio-liceo-curie

Concorso “La mia vita non è un gioco” sul gioco d’azzardo

azzardoIl gioco d’azzardo ha avuto negli ultimi anni uno sviluppo enorme nel nostro paese anche grazie alle decisioni del sbalestrato governo italiano che sembra fare il doppio gioco: da una parte foraggia/finanzia le “slot machines” dall’altra indice concorsi come questi. Forse per farsi perdonare della loro stoltezza.

Circa 90 miliardi di euro è il fatturato annuo ricavato da lotterie, slot machines, poker, scommesse e giochi d’azzardo di natura sempre più varia. La platea dei giocatori è cresciuta notevolmente ed è sempre più correlata a fenomeni di povertà e agli effetti della crisi, coinvolgendo anche casalinghe, pensionati, disoccupati e sempre più giovani. Esiste, inoltre, un nesso molto stretto anche tra gioco d’azzardo e usura. Sedici milioni sono gli italiani che, fra i 15-64 anni, hanno giocato almeno una volta nell’ultimo anno.

In misura proporzionale alla crescita del settore sono aumentati i costi sanitari, sociali, relazionali e legali del gioco d’azzardo. I giocatori patologici o ad alto rischio di dipendenza – sono stimati in circa un milione.

Ecco perché, a partire proprio dai giovani, è necessario fare rete, informare, formare, sensibilizzare, prevenire e, in alcuni casi, prendere in carico. Da Nord a Sud è questo il fil rouge che lega idealmente molti interventi di Caritas diocesane per il contrasto del gioco d’azzardo patologico. Sono tanti i progetti portati avanti negli ultimi anni per combattere quello che solo apparentemente è un “gioco”, ma che si rivela nel tempo come una vera e propria dipendenza. Un “gioco” che spesso diventa l’anticamera dell’inferno, perché sono tante le famiglie che finiscono nel tunnel dell’usura.

Esistono già molte Campagne attive su tutto il territorio, ma tra le difficoltà riscontrate c’è la mancata percezione del rischio che comporta il gioco d’azzardo patologico.

Per questo il Ministero dell’ Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in collaborazione con Caritas Italiana, indice il Concorso Fotografico Nazionale dal titolo “La mia vita non è un gioco”. 

L’elemento centrale di questa proposta è far capire ai ragazzi e alle famiglie che il gioco, quello sano, è parte fondamentale della vita, ma anche che un progetto di vita non può basarsi sull’azzardo ma va costruito giorno per giorno con responsabilità, sapendo discernere tra scelte di spesa sicure e il tentare la sorte.

Possono partecipare al concorso gli studenti delle scuole di ogni ordine e grado di istruzione, in forma individuale o in gruppo, i quali dovranno documentarsi sul tema oggetto del bando.

Per una piena e consapevole partecipazione al concorso, si invitano gli studenti ad approfondire le tematiche della campagna di sensibilizzazione sul tema, avvalendosi dei materiali messi a disposizione dalla Caritas Italiana, al seguente indirizzo internet www.caritas.it, nelle sezioni dedicate al tema. Successivamente, a seguito di una attenta lettura dei materiali informativi, si chiede agli studenti di individuare una o più modalità, di seguito riportate, nelle quali candidare i propri lavori.

Gli studenti in forma individuale o in gruppo potranno partecipare inviando:

  • 1 fotografia,
  • oppure un breve scritto (max. 1.800 battute spazi inclusi),
  • oppure un disegno.

Le foto, gli scritti e i disegni, ognuno del peso massimo di 2 MB, accompagnati dalla scheda di iscrizione posta in allegato (All.A), contenente i dati anagrafici dei partecipanti e i dati della scuola di appartenenza, e da un’eventuale altra scheda esplicativa del percorso didattico realizzato. 

Le schede dovranno essere inviate, entro e non oltre il 30 aprile 2017, alla casella concorso.miur@caritas.it. Ogni email inviata all’indirizzo di posta del concorso potrà contenere un unico elaborato (foto, testo o disegno) e dovrà riportare in oggetto la modalità prescelta e il grado dell’istituzione scolastica di appartenenza.

Tutte le opere inviate resteranno a disposizione della Caritas Italiana e del MIUR che si riservano la possibilità di riproduzione e utilizzo. Il materiale in concorso non verrà restituito.

Presso la Direzione Generale per lo Studente, l’Integrazione, la Partecipazione verrà costituita una commissione composta da membri del Miur e della Caritas, che provvederà alla valutazione dei lavori pervenuti e all’individuazione dei relativi vincitori. Il giudizio della commissione è insindacabile.

Sono candidati al premio finale gli studenti che avranno affrontato in maniera originale, creativa e significativa il tema oggetto del bando. I vincitori, verranno premiati durante un evento di elevato valore istituzionale, in cui saranno anche presentati i lavori.

La partecipazione al Concorso è considerata quale accettazione integrale del presente Regolamento.