Le tre “R”

treerreDi fronte a una produzione di rifiuti in continuo aumento, non è pensabile di riuscire a eliminarli totalmente, dato che fanno parte integrante dei cicli di produzione e di consumo. E’ però possibile limitare la produzione dei rifiuti e il danno che recano all’ambiente con azioni individuali e collettive. Per limitare la produzione dei rifiuti, sono state individuate alcune possibili soluzioni, note come la strategia delle “tre erre”: Ridurre, Riutilizzare, Riciclare.

Ridurre i consumi
Per produrre meno rifiuti la prima cosa da fare è consumare meno. Per esempio è possibile ridurre gli imballaggi (carte, scatole, confezioni ingombranti, ecc.) che hanno il solo scopo di attirare l’attenzione del consumatore.
Riutilizzare le merci
Occorre provare a riutilizzare il più possibile ciò che si acquista, invece di scartare subito oggetti che magari non hanno ancora concluso il loro ciclo di utilità. Si pensi a tutti gli oggetti che vengono buttati invece che riparati (auto, abiti, elettrodomestici, ecc.)
Riciclare
Occorre riciclare ossia raccogliere, rielaborare, commercializzare e riutilizzare materiale precedentemente considerato un rifiuto.
Per riciclare i rifiuti bisogna utilizzare un sistema di raccolta differenziata che selezioni già a partire dalle abitazioni o dalle industrie, le componenti recuperabili: umido, carta, vetro, plastica e alluminio.
Molti sono i vantaggi del riciclo:
permette di ridurre la quantità di rifiuti da smaltire
permette di ridurre il prelievo di materie prime dall’ambiente naturale
permette di ridurre il consumo energetico derivante dalla trasformazione delle materie prime
permette di guadagnare denaro con la vendita del materiale riciclato alle industrie che lo rielaborano.

2 risposte a Le tre “R”

  1. Pingback:A scuola d' Ambiente - Il Cio

  2. Maria dice:

    Non mi è stato di aiuto perché non ha informazioni corrette su quello che ho chiesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *