Il Vesuvio

In Italia ci sono parecchi vulcani: alcuni sono attivi, cioè hanno eruzioni abbastanza regolari negli anni, come l’Etna e lo Stromboli; altri sono quiescenti, cioè sono stati attivi in passato e potrebbero diventarlo nuovamente in futuro; altri ancora, invece, risultano inattivi da migliaia di anni e si dice pertanto che sono estinti, come quelli che si trovano nel Lazio o in Toscana (Monte Amiata).
In Italia, tra i più importanti vulcani quiescenti, ricordiamo in particolare il Vesuvio, sia perché di questo esistono testimonianze, ancora oggi visibili, di una grande eruzione (molti turisti si recano ogni anno a visitare le località di Pompei ed Ercolano, vicino a Napoli, distrutte da questo vulcano) sia perché la sua sommità è molto particolare.

vesuvio

La storia del Vesuvio risale a 35 000 anni fa, epoca in cui le eruzioni si alternavano a lunghi periodi di inattività. L’ultima eruzione avvenne nel 1944, ma la più famosa fu quella del 79 d.C, che seppellì le città di Pompei ed Ercolano. Questa eruzione fu preannunciata da alcune scosse di terremoto e fu fortissima: le ceneri che fuoriuscirono violentemente dal vulcano, formando dapprima un’alta colonna a forma di pino, precipitarono e ricoprirono le città situate nei pressi, seppellendone e soffocandone gli abitanti. Da fonti scritte risulta che ci furono due eruzioni, delle quali le seconda più violenta della prima. Queste testimonianze raccontano che, dopo la prima eruzione, si verificò un’infiltrazione di acqua nella camera magmatica che, trasformandosi istantaneamente in vapore a causa dell’elevata temperatura, provocò un’enorme pressione scatenando una violenta esplosione. Pare che sia stata proprio quest’ultima a seppellire completamente Ercolano, attraverso uno strato di ceneri alto in alcuni punti anche 20 metri. Si pensa, inoltre, che la particolare forma della cima di questo vulcano sia dovuta a questa esplosione: infatti, per la violenza, la sommità del cono si è spaccata e si è formato un enorme avvallamento, all’interno del quale si è ricostruita, per effetto delle eruzioni successive, un’altra montagna che è l’attuale cima del Vesuvio.

7 risposte a Il Vesuvio

  1. Angelo dice:

    È un bellissimo ritratto

    • ibrahim dice:

      e un ottima ricerca vela consiglioo perché e molto breve e fa capire bene i concetti io sono uno che studia poco e icendo questa ricerca ho preso 8 perché e un ottima ricerca come ho detto prima ve la consiglio

    • ibrahim dice:

      angelo che centra il ritratto di qualcos altro tipo mi e piaciuta fai come me ma no che dici e un bellissimo ritratto c enon ha senso e un consiglio no rimprovero se poi non lo vuoi seguire amen pero poi se non lo segui non penso andrai dalla parte tua la vita e tua la decisione e tua

  2. ibrahim dice:

    Buon pre e sanvalentino a tutti

  3. È molto breve è buono per capire

  4. velina dice:

    ciao e molto facile la ricerca comprensibile e spiega ai ragazzi il concetto a tutti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *