La mamma

UNA MAMMA MISTERIOSA

La mamma! Dicono che sia buona. Sarà. Per me si tratta della donna più misteriosa del mondo. Quando dorme? Mah. Entro in casa dopo mezzanotte e la trovo che fruga nei cassettoni. Se mi sveglio, anche prima dell’alba, la sento camminare nella stanza o parlare sottovoce col mio fratellino.
Quei due hanno sempre qualche cosa da dirsi all’insaputa degli altri famigliari.
Fa, inoltre, della magia: deve preparare, poniamo, la valigia.
– Ho messo le maglie, i fazzoletti, le camicie…
Guardo, prima di chiuderla e vedo le maglie, i fazzoletti e le camicie.
Arrivo, riapro e trovo le maglie, i fazzoletti e le camicie…e una grossa ciambella.
Come, quando? Insomma questo agire nascosto, a lungo andare, impensierisce.
Di giorno sta ore e ore in mezzo a cumuli di calze. Chi rompe tante calze?
Sono sicuro che i buchi ce li fa lei per restare pomeriggi interi vicino alla finestra.
C. Zavattini

UNA MAMMA DOLCE DOLCE

È già tardi.
Da un pezzo ho bevuto la mia tazza di latte con lo zucchero, il sonno mi chiude
gli occhi, ma non mi muovo dal mio posto, sto seduto e ascolto.
Io guardo fisso il viso della mamma con gli occhi appannati di sonno e ad un tratto
ella diventa piccina piccina: il suo viso non è più grosso di un bottone ma tuttavia mi
appare chiaro: vedo che essa mi guarda dolcemente e che sorride.
Mi piace vederla così minuscola. Socchiudo gli occhi anche di più ed essa diventa
non più grande di quei bambini che sono nelle pupille.
Lev Tolstoj

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *