Perché il mare è blu?

Il mare è blu perché il cielo si riflette sulla sua superficie. Questa risposta, tuttavia è parziale: il colore del mare, infatti, non dipende solo dal riflesso del colore del cielo, anzi.
mareIl primo a cercare una risposta scientifica a questo interrogativo fu il fisico indiano Chandrasekhara Venkata Raman che, durante una traversata dall’Inghilterra alla sua India, si rese conto che anche con il cielo plumbeo e le onde il colore del mare rimaneva blu. Pensò allora che fossero le molecole dell’acqua a diffondere luce, niente di più sbagliato.

Dopo altri due anni di studi definì quello che oggi è comunemente conosciuto come “Effetto Raman”: sono le particelle sospese nel liquido a diffondere la luce nel mare, eliminando le ombre solo a pochi metri di profondità, ma ciò che ne definisce il colore blu è l’assorbimento. La radiazione luminosa del sole infatti è formata da onde elettromagnetiche con diverse lunghezze d’onda: il nostro occhio vede solo lunghezze d’onda inferiori all’infrarosso, cioè il rosso, l’arancione, il giallo, il verde, il blu, l’indaco e il violetto; l’acqua però assorbe i raggi luminosi in base alla profondità. Vengono eliminate le onde elettromagnetiche della regione del rosso e di altri colori che a scarsa profondità si percepiscono come nero e l’acqua limpida fa vedere all’occhio il colore blu anche fino a 400 metri di profondità, dando al mare il suo inconfondibile colore.

[fonte: Sapere.it]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *